E' il Sistema, che ci legittima a criticare il Sistema

They Betrayed Us

SREENING OPERATIONS AND MASS DETENTION

4/11

Engl:

“When we arrived in Bama prison, it was awful. People were being beaten in the yard in front of us. They started beating my husband and son. So much fear came into me. I was pregnant and I went into labour. I found the toilet and I had my baby next to it. No-one helped me. At the beginning, I didn’t know if my baby was alive or dead, she was silent. In the morning, my in-laws were able to collect some water and give it to me in the toilet room.”

Thirty-five-year-old Aiya (not her real name), 2016

85% of migrants who transited Libya from 2014 to 2020 experienced torture or inhuman and degrading treatment, about half experienced kidnapping, 9 out of 10 people saw someone die, be killed or tortured, many were forced to torture to survive.

It:

“Quando siamo arrivati nella prigione di Bama, era terribile. La gente veniva picchiata nel cortile davanti a noi. Hanno cominciato a picchiare mio marito e mio figlio. Mi è venuta tanta paura. Ero incinta e sono entrata in travaglio. Ho trovato il bagno e ho avuto il mio bambino accanto. Nessuno mi ha aiutato. All’inizio non sapevo se il mio bambino era vivo o morto, era silenzioso. Al mattino, i miei suoceri sono riusciti a raccogliere dell’acqua e a darmela nel bagno”.

Aiya (non è il suo vero nome), 35 anni, 2016

L’85% dei migranti che sono transitati in Libia dal 2014 al 2020 ha subito torture o trattamenti inumani e degradanti, circa la metà ha subito un rapimento, 9 persone su 10 hanno visto qualcuno morire, essere ucciso o torturato, molti sono stati costretti a torturare per sopravvivere.

Music by The Inps
(Arianna Me and Gianmaria Victor De Lisio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *