E' il Sistema, che ci legittima a criticare il Sistema

3/5

Chris Burden, Transfixed, 1974

Ogni opera istituisce sempre un rapporto con lo spazio: la distanza nella pittura o i rapporti pieno/vuoto e
luce/ombra della scultura. A un grado di complessità maggiore, c’è la Site specificity.

Le realizzazioni, prendendo un aspetto installativo, si articolano secondo coordinate – geometriche, ambientali, storiche, emotive – specifiche del luogo.

Altrove, la stessa opera non avrebbe ragione d’esistere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *